Caduceo
CheArticoli!
ChePromozioni!
1 pezzo

€ 7,37  --1,1%

5 pezzi

€ 18,00  -27,7%

Ricerca Che farma
Carrello vuoto
Allergia e Rinite
Cosa sono e come combattere i sintomi
L’allergia è una condizione patologica caratterizzata da una eccessiva reattività del nostro sistema immunitario in seguito al contatto con determinate sostanze (dette allergeni)....

....l’allergene si lega ad uno specifico anticorpo appartenente alla classe delle immunoglobuline E (IgE) che ha la proprietà di legarsi alle superfici cellulari determinando la liberazione di istamina e altre molecole con modificazioni del tessuto che si manifestano attraverso sintomi diversi a seconda della sede interessata. Così se l’allergene viene inalato si configureranno quadri clinici definiti come allergie di tipo respiratorio (asma e/o rinite), se l’allergene entra in contatto con i tessuti dell’apparato digerente si manifesteranno le allergie alimentari, mentre se il contatto avviene attraverso la cute si manifesteranno le allergie cutanee.

La rinite allergica è un disturbo sintomatico del naso provocato da un’infiammazione IgE mediata che segue al contatto della mucosa nasale con l’allergene.

I sintomi sono:

  • Rinorrea
  • Prurito nasale
  • Ostruzione nasale
  • Starnuti
  • Scolo retro nasale (variabile)

Ai sintomi nasali si associano frequentemente anche i sintomi oculari (rossore e lacrimazione).

Spesso la rinite allergica viene confusa con il raffreddore comune, ma ci sono alcune differenze che possono aiutarci a capire quale delle due patologie si tratta:

  • FEBBRE: nel raffreddore è presente (anche se rara) invece nella rinite non è MAI presente
  • DOLORI: nel raffreddore sono presenti invece nella rinite MAI
  • FARINGITE: comune nel raffreddore, MAI presente nella rinite
  • PRURITO PALATO E GOLA: MAI presente nel raffreddore, molto comune nella rinite
  • DURATA: raffreddore 3-14 giorni, rinite settimane o mesi

Asma e rinite sono frequentemente associate, ciò suggerisce un approccio terapeutico condiviso.

Le linee guida ARIA raccomandano l’impiego di steroidi nasali nel trattamento della rinite allergica persistente (lieve o moderata-grave) e nella rinite intermittente moderata-grave.

I corticosteroidi topici nasali (spray) vengono considerati i farmaci più efficaci, attivi su tutti i sintomi della rinite e particolarmente efficaci sull’ostruzione nasale. Il loro effetto è legato all’attività antiinfiammatoria locale, che agisce selettivamente sul sito, aumentando l’efficacia del farmaco e riducendo allo stesso tempo gli eventuali effetti sistemici indesiderati. L’efficacia di questi farmaci è maggiore se essi vengono somministrati in maniera costante e continuativa, iniziando quindi la terapia prima della stagione pollinica. I prodotti più recenti possono essere somministrati una sola volta al giorno, favorendo così l’aderenza alla terapia. Inoltre hanno dimostrato un effetto indiretto anche a livello oculare.

La preferenza tra antistaminici orali e steroidi nasali deve essere sempre valutata caso per caso dal medico in base alla gravità, al tipo e alla durata dei sintomi.

 

Gli effetti collaterali degli steroidi topici sono rari, vanno però monitorati i seguenti sintomi:

  • Formazione di croste
  • Epistassi (sanguinamento)
  • Variazione della capacità visiva

In tali casi rivolgersi subito al medico che valuterà se proseguire o meno la terapia.

Un’altra metodologia invece del tutto naturale per contrastare gli attacchi allergici è quella di assumere miscele di fitoterapici che stimolino un lieve rilascio sistemico di immunoglobuline con conseguente azione di modulazione dei mastociti (responsabili della sintomatologia delle reazioni allergiche), così da permettere all’organismo di essere già preparato e non incorrere quindi in attacchi violenti.